Arrivo ad Herat del primo NH-90 AVESIl giorno 18 agosto 2012 è stata effettuata l’immissione di un elicottero NH-90 dell’Aviazione dell’Esercito in Teatro Operativo Afghano. L’evento, mai accaduto prima, che ha destato molto interesse, ha visto coinvolti due giganti dell’aria.

 L’elicottero NH-90, il più recente mezzo ad ala rotante delle forze NATO, è stato immesso in Afghanistan utilizzando l’aereo americano C-17 “Globemaster” dall’aeroporto internazionale G. Marconi di Bologna, nelle adiacenze del quale insiste l’area operativa del 2° Rgt Sostegno AVES “Orione”. L’attività, svolta nella notte, ha visto il condizionamento dei materiali e del NH-90 e l’introduzione nella stiva del C-17. Nonostante il volume imponente del carico, l’operazione è stata condotta con successo, grazie alla notevole ricettività del vettore aereo. Il 2° Reggimento di Sostegno AVES “Orione”, Polo Tecnico-Logistico e 2° Livello Tecnico per gli elicotteri NH-90, ha invece condotto, con elevata professionalità,  le delicate operazioni tecniche di condizionamento dell’elicottero ed ha fornito il supporto tecnico per gli spostamenti  dell’elicottero e l’ancoraggio sull’aereo C-17. La complessa operazione ha messo in risalto, ancora una volta, come la sinergia tra Forze Armate di diverse nazionalità,  sia elemento fondamentale per permettere al personale di ampliare le proprie conoscenze e fattore indispensabile per ottenere eccellenti risultati necessari a fornire un adeguato supporto alla missione in Teatro Operativo Afghano.

L'NH-90 nella stiva del C17 Globemaster

Testo e immagine © Comando AVES