Leonardo, attraverso AgustaWestland Philadelphia Corp., si è aggiudicata un contratto del valore di 176.472.608 USD presso il Dipartimento della Difesa USA per la produzione e la consegna di 32 elicotteri TH-73A, unitamente a un pacchetto iniziale di parti di ricambio, supporto ed equipaggiamento dedicato oltre a servizi di addestramento per piloti e tecnici addetti alla manutenzione.

Questo contratto, coperto con fondi del Fiscal Year 2020 assegnati alla U.S. Navy, è stato aggiudicato a seguito di gara. Le attività produttive saranno principalmente eseguite presso lo stabilimento Leonardo di Philadelphia e saranno portate a termine nell’ottobre 2021.

Alessandro Profumo, Amministratore Delegato di Leonardo, ha dichiarato: “Con una presenza quasi quarantennale a Philadelphia, siamo orgogliosi di esser stati scelti dalla U.S. Navy come suo nuovo partner in questo programma con il nostro elicottero TH-119. Siamo fieri di poter dare un contributo importante al futuro della difesa degli Stati Uniti”.

Gian Piero Cutillo, Managing Director Leonardo Helicopters, ha aggiunto: “La notizia di oggi è una chiara conferma della nostra capacità di offrire soluzioni in grado di definire nuovi standard per l’addestramento. Siamo pronti a lavorare con la U.S. Navy per garantire che i futuri piloti vengano formati al meglio per soddisfare tutti i futuri requisiti operativi”.

William Hunt, Managing Director Leonardo Helicopters Philadelphia, ha aggiunto: “Il nostro obiettivo è stato fin dall’inizio quello di offrire alla U.S. Navy le capacità di addestramento richieste, senza alcun compromesso rispetto all’aspettativa del cliente. Siamo onorati di poter dar seguito a tale promessa, di poter costruire la nuova flotta di elicotteri a Philadelphia e di supportarla con i nostri servizi di manutenzione da Milton in Florida”.

A questo primo contratto con cui l’elicottero di Leonardo inizierà a sostituire i Bell TH-57B/C Sea Rangers attualmente in servizio è previsto che, secondo i progetti della US Navy, dovrebbero seguirne dei successivi che porteranno la flotta di TH-73A fino al numero di 130 esemplari.

Nella gara per il nuovo addestratore il prodotto di progettazione italiana è risultato il vincitore della fase finale della selezione che vedeva in corsa anche Bell con il modello 407GXi ed Airbus Helicopters con l’H135.

Immagine © Leonardo