Categorie Notizie

Emergenza-Urgenza: le nuove tecnologie al servizio del sistema

Alla scoperta del settore dell’emergenza-urgenza con i medici e i piloti dell’elisoccorso. Venerdì 2 dicembre, alle 18.30, è in programma  nell’Aula Magna del Pontificio Collegio Gallio a Como (Via T. Gallio, 1) l’incontro “Tra terra e cielo – I trent’anni dell’Elisoccorso a Como: le nuove tecnologie al servizio del sistema”.

L’appuntamento, organizzato da AREU, Asst Lariana e Inaer Aviation Italia, approfondirà il tema dell’evoluzione del settore dell’emergenza-urgenza sia da un punto di vista sanitario, grazie, ad esempio, alle apparecchiature presenti a bordo dei mezzi di soccorso e sull’elicottero del 118, sia aeronautico. Sarà l’occasione, infatti, per presentare a comaschi e non il sistema NVG (Night Vision Goggles), utilizzato per il volo notturno da metà luglio dall’elicottero di stanza a Como nella base di Villa Guardia. Si tratta della prima sperimentazione in Italia dell’NVG nell’ambito del soccorso sanitario pubblico.

L’incontro sarà moderato dalle giornaliste Francesca Guido e Francesca Indraccolo, autrici del libro “Tra terra e cielo – I trent’anni dell’Elisoccorso a Como”, realizzato in occasione del trentennale del servizio, istituito il 2 agosto 1986. Il libro, che non ha un prezzo di copertina, sarà distribuito gratuitamente fino a esaurimento delle copie disponibili. Chi lo riceverà sarà invitato a un’eventuale donazione, fiscalmente detraibile, alla Fondazione Pro Elisoccorso – Servizio 118 onlus, che da vent’anni è al fianco del settore dell’emergenza urgenza (IBAN IT55A0569652110000006118X83). Il ricavato contribuirà all’acquisto di un massaggiatore cardiaco del valore di 10mila euro che sarà collocato su un mezzo di soccorso di livello avanzato operativo sul territorio di competenza della AAT 118 di Como.

Il volume, pubblicato da Effegiemme Editore, ripercorre per i “non ai detti ai lavori” le tappe salienti dello sviluppo dell’Elisoccorso comasco che in tre decadi di attività ha effettuato 21mila interventi. “Tra terra e cielo”, inoltre, illustra le professionalità, le dotazioni e le strutture attorno a cui ruota il sistema elisoccorso, le novità che riguardano il volo notturno e i meccanismi che attivano il circuito dell’emergenza-urgenza, a partire dalla chiamata al NUE 112, il numero unico per le emergenze.

All’evento interverranno, tra gli altri, Mario Landriscina, direttore della Macroarea dei Laghi – 118 e del Dipartimento di Emergenza dell’Asst Lariana, Maurizio Volontè, responsabile del 118 di Como, Giulio Fini, direttore generale Ala Rotante di Inaer,  il comandante  Ettore Castagnaro, responsabile base HEMS di Como, e il comandante Gianfranco Molina, addestratore NVG.
L’ingresso è libero.

 

Presentazione al Terminillo per il primo AW169 HEMS italiano

Sarà presentato sabato 26 novembre alle ore 11 presso il Rifugio Sebastiani al Monte Terminillo il primo esemplare di AW 169 in versione HEMS che ad inizio dicembre prenderà servizio in Italia. L’elicottero è destinato all’Elisoccorso della Regione Lazio.

La presentazione vedrà lo svolgimento di un’esercitazione di soccorso svolta in collaborazione con il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS). L’AW169 è un elicottero bimotore della classe di 4,5 tonnellate che in questi giorni ha ottenuto da EASA la certificazione per l’aumento di peso massimo al decollo da 4600 a 4800 kg. La macchina è il prodotto più recente di Leonardo progettato tenendo in particolare considerazione il mercato del soccorso sanitario per il quale si candida a ricoprire una posizione di leadership. L’esemplare protagonista della presentazione di sabato prossimo, gestito dalla società Elitaliana S.p.A. che reca attualmente le marche irlandesi EI-FNT ed il nominativo “Pegaso 12″, era stato fotografato anche lo scorso gennaio al Sestriere in occasione dei Campionati Sciistici delle Truppe Alpine quando aveva svolto una dimostrazione a cura dei piloti collaudatori di Leonardo di fronte al Ministro della Difesa Sen. Roberta Pinotti. Al momento non e ancora noto presso quale delle tre basi laziali, Roma, Viterbo o Latina verrà dislocato il nuovo elicottero.

Nelle immagini (© Giacomo Pipoli) l’esemplare dell’AW169 durante la dimostrazione in volo svoltasi nel gennaio 2016 al Sestriere.

Elicottero precipita in provincia di Varese, una vittima tra gli occupanti

Un elicottero è precipitato questo pomeriggio in provincia di Varese vicino a Bisuschio. I soccorsi sono stati allertati dal pilota che ha chiamato direttamente la REGA, che ha inviato in zona un elicottero dalla base di Locarno.

Il luogo dell’incidente è stato raggiunto dai soccorritori del CNSAS Lombardo (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) solo nel tardo pomeriggio a causa della fitta nebbia che insiste sulla zona. A bordo dell’aeromobile sembra ci fossero due passeggeri oltre al pilota, tutti di cittadinanza svizzera. Uno di quest’ultimi pare sia deceduto a causa dell’impatto.

Aggiornamento 20/11

L’elicottero precipitato è un Agusta 109A-II immatricolato N109W, precedentemente impiegato in Italia con le marche I-CRMD, era partito dall’aeroporto di Lugano-Agno poco prima dello schianto sul Monte Minisfreddo. I due feriti sono stati raggiunti nella serata di sabato dal personale del Soccorso Alpino e dei Vigili del Fuoco che hanno predisposto nei pressi del relitto uno spiazzo dal quale sono stati verricellati sull’elicottero della REGA. Successivamente sono stati affidati alle ambulanze che hanno provveduto al loro ricovero presso l’ospedale. Si tratta del pilota, un italiano di Sondrio, e di uno dei due passeggeri, un imprenditore svizzero. La terza persona che era a bordodell’elicottero e che non è sopravissuta all’impatto è una donna italiana residente a Sondrio. Sulle cause dell’incidente sono ancora in corso accertamenti e solo la testimonianza dei superstiti potrà fare chiarezza.

Calendario 2017 dell’Elisoccorso Provinciale di Bolzano

É uscito il nuovo calendario per l’anno 2017 del progetto “Solidarietà degli elisoccorritori” dell’Elisoccorso Provinciale di Bolzano.

Il calendario verrà venduto nelle elibasi del Pelikan 1 (Bolzano), Pelikan 2 (Bressanone) e Aiut Alpin Dolomites (Pontives) e in tutte le sedi della Croce Bianca Bolzano presenti in Alto Adige, per un’offerta minima di 12€. Il ricavato sarà devoluto interamente al progetto “Aiutare gli altri” del Fondo di solidarietà rurale, un’organizzazione che ha lo scopo di sostenere le famiglie colpite da calamità.
Le foto del calendario ritraggono i tre elicotteri dell’Elisoccorso. Sono state scattate dai fotografi Isaak Vedani, Erich Näckler, Denis Costa, Freddy Planinschek e Philipp Franceschini.
Un ringraziamento particolare va alla Fondazione Cassa di Risparmio e alla ditta Dietmar Obkircher per la grafica e l’impaginazione.

Il calendario verrà spedito anche per posta, per informazioni più dettagliate contattate via email Aiut Alpin Dolomites scrivendo alla casella info@aiut-alpin-dolomites.com .

Visita del Comandante delle Scuole dell’Aeronautica Militare al 72° Stormo

Il Generale di Squadra Aerea Fernando Giancotti visita l’Aeroporto “G. Moscardini” di Frosinone.

Martedì 8 Novembre, il Comandante delle Scuole dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Fernando Giancotti visita il 72° Stormo di Frosinone. A riceverlo il Comandante del Reparto, Colonnello Antonio Felicissimo.

La visita è iniziata con il consueto Briefing mattutino presso l’Aula Multimediale. Durante il briefing sono state proiettate le previsioni meteo della giornata, le restrizioni di volo per l’aeroporto di Frosinone e per le aree circostanti ed è stata effettuata una simulazione di emergenza da parte di un istruttore nei confronti di un frequentatore. Il briefing mattutino, che fornisce al personale anche altre informazioni utili riguardanti i vari servizi aeroportuali, viene effettuato tutte le mattine ed è il primo momento di incontro fra istruttori e frequentatori.

Successivamente il Gen. S.A. Fernando Giancotti ha effettuato attività di volo su elicottero TH-500B con un istruttore dello Stormo. Al termine del volo, è stato svolto un briefing da parte di tutti i capi servizio e capi articolazione, nel quale sono state prospettate al Generale Comandante quelle che sono le attività del reparto soffermandosi particolarmente sui differenti iter addestrativi che vedono coinvolti i frequentatori di tutte le Forze Armate e Corpi Armati dello Stato. Attualmente sono in atto presso la Scuola di Volo di Frosinone sette diversi corsi: un corso di volo basico per frequentatori dei Vigili del Fuoco, un corso volativo per la qualifica di Istruttori di Volo, tre corsi di volo avanzati (su elicottero UH-139) per frequentatori dell’Aeronautica Militare, un corso teorico per frequentatori dell’Esercito Italiano ed un corso teorico per frequentatori della Guardia di Finanza.

Al termine dei vari briefing il Gen. S.A. Fernando Giancotti ha fatto visita alle varie strutture presso le quali i frequentatori svolgono quotidianamente le proprie attività addestrative: il Simulatore di Volo, l’Aula INSIAU ed il 208° Gruppo Volo. Per l’occasione è stata predisposta una mostra statica dell’elicottero TH-500B nelle sue varie configurazioni presso l’Hangar “S. Pagano”.

La visita si è conclusa con la firma dell’Albo d’Onore presso l’Ufficio del Comandante di Stormo.

Il 72° Stormo, alle dirette dipendenze del Comando Scuole dell’Aeronautica Militare 3^Regione Aerea di Bari, è l’unica Scuola di Volo basica elicotteri per tutte le Forze Armate e Corpi Armati dello Stato. Negli ultimi anni è iniziato e continua a progredire il processo di internazionalizzazione della Scuola di Volo che vede la presenza di un sempre crescente numero di piloti stranieri quali frequentatori dei corsi di pilotaggio basico, su elicottero TH-500B, e dei corsi di pilotaggio avanzato, sul elicottero UH-139.

Fonte:

Cap. Pil. AArnn Carla Angelucci
Pilota Istruttore 208° Gruppo Volo
Uffciale Addetto alla Pubblica Informazione
72° Stormo – Frosinone

“Tra terra e cielo: I 30 anni dell’elisoccorso a Como”

Sarà presentato il 26 ottobre 2016 presso la libreria Feltrinelli di Via Cesare Cantù a Como, il volume “Tra terra e cielo – I 30 anni dell’elisoccorso a Como”.

L’opera ripercorre trenta anni del servizio di Elisoccorso comasco dagli inizi alle ultime innovazioni tecnologiche recentemente introdotte. Il lavoro di Francesca Guido e Francesca Indraccolo ripercorre le tappe che nel corso dell’ultimo trentennio sono state raggiunte da un servizio partito da uno stadio pionieristico, si è di volta in volta evoluto insieme al “sistema” del soccorso territoriale nel quale è inserito. Sono presentate tutte le componenti che concorrono alla riuscita dei soccorsi, dai piloti ai sanitari, dai tecnici di volo fino ai componenti del Soccorso Alpino che con la loro opera consentono ai sanitari di operare in sicurezza in un territorio a volte ostile. Il volume è corredato da numerose immagini che ritraggono in azione i vari elicotteri che si sono succeduti nel corso degli anni rappresentando l’evoluzione dei mezzi ad ala rotante a cavallo del nuovo millennio.

Il libro, che non ha un prezzo di copertina, sarà distribuito a titolo gratuito lasciando a chi ne abbia voglia, la possibilità di contribuire destinando un’offerta fiscalmente detraibile alla “Fondazione Pro Elisoccorso – Servizio 118 ONLUS” che dal 1996 destina i fondi raccolti nel corso di varie iniziative all’acquisto di attrezzature, automezzi e vestiario tecnico da destinare all’Elisoccorso comasco.

Nel corso dell’incontro saranno presenti le autrici Francesca Guido e Francesca Indraccolo ed il coordinatore della “Macroarea dei Laghi” – Areu 118, dott. Mario Landriscina. L’appuntamento sarà quindi presso:

Libreria La Feltrinelli – Via Cesare Cantù – Como

26 ottobre 2016 ore 18:00

Ingresso libero

Fondazione Pro Elisoccorso – Servizio 118 onlus, IBAN IT55A0569652110000006118X83.

Qui sotto un’intervista effettuata da Ivana Rusconi per il sito CiaoComo.it

 

All’esame del Governo un programma per il successore dell’AW129 “Mangusta”

La Commissione Difesa della Camera sta in questi giorni prendendo in esame un “Programma pluriennale concernente studio, progettazione e qualifica del futuro «Elicottero da esplorazione e scorta» e relativo supporto logistico iniziale”.

Si tratta di quello che nelle file dell’AVES dovrà succedere all’AW129 “Mangusta”. Interessanti i numeri che si leggono nel verbale della seduta della Commissione Difesa dove si legge che la previsone di spesa per il programma dovrebbe attestarsi sulla cifra di 487,06 milioni di euro gravanti, per intero, sui capitoli di bilancio del Ministero dello sviluppo economico (MISE).

Il numero di elicotteri che dovranno andare a sostituire gli AW129, attualmente in servizio presso l’Aviazione dell’Esercito con 48 esemplari sui 60 (45+15) acquistati inizialmente, dovrebbe attestarsi sulle 45 unità. A queste dovrebbero aggiungersi un  prototipo e tre esemplari di pre-serie. Importanti i ritorni industriali stimati solo per questa fase del programma che prevedono di impegnare la divisione Elicotteri di Leonardo per un volume di circa 3,1 milioni di ore lavoro complessive e la supply-chain di di Leonardo per circa 900 mila ore complessive. È altresì previsto il coinvolgimento, a supporto del programma, di oltre 200 realtà nazionali.

Il testo del Bollettino relativo alla seduta è disponibile sul sito della Camera dei Deputati in formato pdf.

Aperto al pubblico il Museo Storico del Servizio Aereo della Guardia di Finanza

A partire dal giorno 3 ottobre u.s. , il Museo Storico del Servizio Aereo della Guardia di Finanza di Pratica di Mare è finalmente aperto anche al pubblico.

Appassionati, scolaresche e visitatori italiani e stranieri potranno prenotarsi sul sito del Museo Storico del Corpo su http://www.gdf.it o da Iride per gli appartenenti al Corpo. Il Museo, del quale avevamo riferito l’inaugurazione nell’aprile del 2012, occupa una superficie di quasi 1000 metri quadrati e presenta una collezione storica di tutto rispetto, composta da 5 elicotteri ed un aeroplano oltre che da una grande quantità di cimeli, tute ed equipaggiamenti da volo ed armi. La storia del Servizio Aereo è ampiamente descritta grazie a documenti, display e documentari che tracciano le origini di questa componente dal 1911 ai giorni nostri. I visitatori potranno provare l’ebbrezza del pilotaggio grazie ad un simulatore di volo e ripercorrere tutte le tappe dello sviluppo e dell’impiego dei mezzi aerei nelle varie epoche seguendo una visita guidata in italiano ed inglese. L’accesso per i disabili e tutta una serie di ausili informatici garantiscono assistenza e modernità a tutto vantaggio dei visitatori, che potranno prenotarsi nei giorni mercoledì e venerdì con orario 09.00 /12.30.

Immagine © Marco Meschino